Alessandro Pivetti

Da piccolo sognavo di fare il pianista classico, da adolescente mi sono ritrovato in una band rock. Al mio diploma di pianoforte ho suonato Beethoven come fossi Mick Jagger.

Ho frequentato uno strepitoso pianista jazz in uno dei peggiori bar di Caracas e ho deciso di iscrivermi a composizione per poter capirci finalmente qualcosa in tutti quegli accordi. Del pezzo per orchestra che ho composto per la prova finale del diploma di composizione (dopo dieci anni di studio folle) non ci si capisce quasi niente.

Nel frattempo mi sono trovato a suonare organi cinquecenteschi in una chiesa e a dirigere un coro polifonico mentre scrivevo musiche per festival di arte contemporanea, documentari e per il teatro di ricerca. Ora sono un arrangiatore orchestrale perché ho scoperto che arrangiarmi è la cosa che mi viene meglio.

Racconto che la musica è meravigliosa e che c’è musica e musica e anche che la musica sa dire quello che noi non riusciremo mai a esprimere. Tutto questo lo dico con le parole in forma di lezioni e storytelling ma lo provo a dire anche con la mia musica.

Alessandro Pivetti ha partecipato all'evento

Galileo - Pensare è come il correre, e non come il portar pesi.

Scopri l'evento

MISSA GAIA - Un concerto per la cura della casa comune e dell'acqua come fonte di vita

Scopri l'evento

CARLO MARIA MARTINI, “Persona in Dialogo”

Scopri l'evento

Torna su